lunedì 11 ottobre 2010

a Silvio


Silvio le archivi ancora
Le informazioni sotto al Viminale?
O è solo una marea
di balle negli articoli corsivi
che servono soltanto a sputtanare
nemici ancora vivi

chissà quello che avete
scritto e detto d’intorno.
A me popolo affranto,
che in questi anni fa la fame e stenta,
dicevi: “ mi consenta
ma quel vago avvenir che in mente avevi
e prima della crisi tu speravi,
puoi metterlo nel forno!”

Pensavo : “ma che ladri!
Che prima ti prometton luna e marte…”
E adesso mi deprimo,
ma tu ogni giorno dici: “ si riparte!”
Lo dici quasi sempre sul più bello
ed ogni volta scampi alla tua croce
(supplizio più feroce
di qualsivoglia accusa o di querela).
Se poi c’è qualche alieno
ai tuoi poteri forti
le informazioni devi aver già pronte
(maniera un po’ infelice,
ma uccide in un baleno).

Che popolo di bovi!
Che rabbia che tormento Italia mia,
quale allor ci apparia!
Non credo sia passato
il peggio,  e ancora barzellette oscene
o pensa te blasfeme,
e il capo dello Stato?
E tornami a doler la mia sventura
o natura, o natura:
lui dorme in mezzo a noi!
Quel che promette allor? Perché di tanto
inganna i figli suoi?

L’Italia adesso brucia giù all’inferno
ma paradiso viene a noi dipinta
continuano i salassi ed i prelievi,
e tutti come buoi
dietro all’imperatore,
la dolce lode or delle negre chiome
oppur dei modi suoi un po’ lascivi,
sarà il timor dei delatori archivi
che provoca l’amore….

Ci manca proprio poco
e con Sansone sono i filistei,
saranno calpestati,
ha usato la riserva di sue chiome
almeno cinque o sei,
il mondo intero già lo disapprova,
conosce le sue brame
che ne sarà de’ fasti,
i diletti, l’amor, l’opre, l’eventi?
Chi ci ha condotto in mezzo a ‘sto bitume?
Questa è la sorte delle umane genti?
All’apparir del vero
il popolo s’incazza piano piano

la civil morte ed una cella ignuda
aspettan quel caimano


21 commenti:

  1. Il tuo poema è talmente lungo che i commenti li leggerai la settimana prossima.
    Ciao Virgilio (a proposito di Virgilio.. la casa di Annibal Caro si trova a 200 metri dalla mia).
    Eh..! Eh..!

    RispondiElimina
  2. sei tu che mi hai ispirato!
    con il commento che ieri hai postato.

    chi è annibal caro?
    ne sono ignaro...

    RispondiElimina
  3. A. Caro è stato il primo ed il più grande traduttore di Virgilio.
    Vedi
    http://it.wikipedia.org/wiki/Annibal_Caro
    http://www.forumromanum.org/literature/aeneid_ital.html
    http://www.500annibalcaro.it/

    RispondiElimina
  4. beata l'ignoranza mia...
    è meglio se non parlo e vado via

    RispondiElimina
  5. Sulla civil morte avrà da ridire,
    che insieme a Don Verzè studia come non perire.
    Sulla cella ignuda ridacchio io,
    perchè a quel nano non lo incastra neanche Dio.

    Bella Giorgio, lunga si, ma bella assai.

    RispondiElimina
  6. grazie mille! coi versi mi destreggio
    magari provo pure il cinque maggio...

    RispondiElimina
  7. Giorgio non esagerare..
    Per leggere di nuovo i tuoi versi ci fai aspettare sette mesi..?
    Eh..! Eh..!

    RispondiElimina
  8. perchè questo timore?
    "a Silvio" io l'ho scritta in sol due ore...

    RispondiElimina
  9. dopo la pioggia torna il sereno
    spunta nel cielo l'arco baleno
    gioia de l'anima speranza nei cuori
    quando BERLUSCONI non ne resterà fuori
    e non scasserà più i co...oni
    in quel di MILANO ci potremmo trovare
    col POPOLO a festeggiare
    e quel giorno nei secoli da tramandare
    per lo scampato pericolo da ricordare. VITTORIO

    RispondiElimina
  10. c'è un (NON) nel mio post che si è materializzato cambiando il vero contenuto. VITTORIO

    RispondiElimina
  11. oh santa pazienza
    mi fai concorrenza!
    scherzavo... lo dico
    lo trovo gradito
    e coi ringraziamenti
    i miei complimenti!

    RispondiElimina
  12. se detto da un eretico
    è ancora più simpatico!

    RispondiElimina
  13. BERLUSCONI inluminato in politica e disceso
    e nel campo dove è andato il terreno a concimato
    un buon raccolto a ricavato evidente il risultato
    la politica a pagato dal fallimento la salvato
    mentre il popolo a affamato tante volte la votato
    ricevendo in cambio un premio quello d'esser tutto scemo.

    RispondiElimina
  14. io la trovo assai carina
    le tue prossime vedrò,
    qualche volta fa anche rima
    non possiedi tu un tuo blog?

    RispondiElimina
  15. spiacente non possiedo un mio blog
    sono un novellino del computer.
    son vecchio ignorante perciò ne ho viste tante
    mi sfogo nel postare commenti veritieri, che accadono oggi, molto meno ieri,
    quando giovincello ero, pieno di speranza se ci ripenso oggi, mi viene il mal di pancia. VITTORIO

    RispondiElimina
  16. Anime sospese
    le ho viste aggirarsi in tutte le stazioni.

    in cerca della loro identità perduta .
    vita vissuta ai margini della dignità imposta da una società malata.
    Priva di amore verso i più umili che stanchi di lottare si sono arresi.
    assistendo impassibili alla vita che non gli appartiene più.
    Vita ricercata nella folla frettolosa schiava del tempo che passa veloce.
    come fossero automi taluni offrono una moneta. tenendo in vita queste anime sospese condannate a fare da specchio a tutta l’umanità. (VITTORIO)

    RispondiElimina
  17. ammazzalo, rimpiazzami
    non so io di poesia...
    io faccio pasquinate da osteria

    RispondiElimina
  18. non potrei mai rimpiazzarti, vedi la mia scuola è l'esperienza appresa dalla vita quotidiana, a fatica riesco ad esprimermi, con la mia pochezza di vocaboli,con la seconda elementare cerco di arrangiarmi, e credimi ciò che cerco di scrivere mi nasce dal cuore più che da l'intelletto, la riflessione che ti ho postato lo osservata per anni, avendo lavorato alla stazione di firenze,ed ho pensato di scriverla. ti auguro una buona serata. VITTORIO

    RispondiElimina
  19. perdiana, con la mia media inferiore
    quest'oggi posso fare il professore!

    per i componimenti
    rinnovo i complimenti.

    RispondiElimina