domenica 30 settembre 2012

Renata (il romanesco non è il mio forte)



Renata, Renata, Renata
li rigatoni cò la pajata,
Renata, Renata, Renata
dù carciofetti con er sufflè.

Renata, Renata, Renata
li sartimbocca, la caponata,
Renata, Renata, Renata
te sei magnata anche er cabbaret,

l’abbacchio e le patate l’hai magnati te
cò l’amichetti tua che magnano pè tre,
ma prima d’annà accasa e nun tornà mai più
te sei magnata er tiramisù.



4 commenti:

  1. Il fatto è che questa mica è andata a casa e fa a tempo a mangiarsi mezza Roma.
    Cristiana

    RispondiElimina
  2. il consigliere non è sazio
    se non si magna tutto il lazio

    RispondiElimina
  3. Queste rivisitazioni in romanesco , mi fanno impazzire!

    RispondiElimina
  4. e questo non è proprio il mio vernacolo,
    chiamiamolo miracolo,
    nel nome di Pasquino
    un polentone fa il capitolino...

    RispondiElimina